Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo vi – l'arcipelago delle spitzberg 49


Avremo viveri fino alla fine di settembre, ma manchiamo di vesti e di combustibile e prevedo una catastrofe completa se non veniamo salvati prima dell’inverno. Provvedete o considerateci morti.

«K. J. Jansey.

«Capo Sud della Spitzberg, 26 agosto 1875».

– Ecco una fortuna che tocca di rado ai naufraghi! – esclamò Tompson, col viso raggiante. – Ormai possono considerarsi salvi, perchè io entrerò nell'Eis-fiord dovessi aprirmi il passo attraverso i banchi di ghiaccio.

– Speriamo che la selvaggina non sia a loro mancata.

– Sì, se avranno potuto salvare delle armi da fuoco. A bordo! A bordo!

Scesero precipitosamente le rocce e balzarono nella scialuppa, portando con loro il documento. Dieci minuti dopo si trovavano sulla Torpa ed informavano l’equipaggio della fortunata scoperta.

Nell’apprendere che i loro compagni non erano tutti morti e che si trovavano così vicini, un grido solo irruppe dal petto di quei bravi marinai.

– Salviamo i camerati!

Le vele furono rapidamente sciolte e la Torpa, dopo d’aver costeggiato il banco che si estendeva ad ovest del promontorio, si slanciò verso il nord, mantenendosi a circa tre miglia dalla costa dell’isola.

Il vento che aveva cambiata direzione, soffiando dal sud-ovest, favoriva la corsa della nave, la quale si avanzava con una velocità media di sei nodi all’ora. Anche il mare a poco a poco si era calmato, ma lungo le coste l’ondulazione si manteneva ancora viva, disgregando i ghiacci che si erano formati dinanzi ai promontori ed ai piccoli fiords. Alcuni ice-bergs ondeggiavano al largo tendendo a serrarsi contro le spiagge, ma non erano