Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. vii. — i selvaggi di ceylan 101

rallentata e senza che l’ordine del cerchio, che continua a stringersi, venga rotto. Il francese volge uno sguardo verso la pinazza e respira liberamente. Il Bangalore ha già guadagnato trecento passi e sta per cacciarsi in un altro gomito del canale, l’ultimo, perchè dopo comparirà il lago.

Nel momento che le spingarde tuonano di nuovo, uno scoppio terribile rimbomba e si vede una nuvola di fumo salire dietro gli alberi.

— La pinazza è saltata, — dice il francese.

— E con essa gli uomini che la saccheggiavano — risponde Durga, trionfante.

— Non basterà ancora a calmare questi selvaggi — soggiunge Amali, il quale s’accorge che il pericolo invece di scemare aumenta sempre.

— Quale accanimento! — esclama il francese.

— Avete fatto loro qualche torto? — chiese Amali, fra un colpo di fucile e l’altro.

— Nessuno.

— Era puramente la smania di saccheggio che li ha spinti contro di voi?

— Sì.

— Non meritano di venire risparmiati.

— Mi pare che la cosa sia più difficile di quanto credete.

— I miei uomini sono scelti.

— Quattro sono già caduti.

— Ne ho altri ventisei, anzi ventisette col mio luogotenente.

— Tentiamo uno sforzo supremo per giungere al lago. Là forse non oseranno seguirci, perchè è pieno di coccodrilli.