Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 sul mare delle perle


— Ho pure sentito dire che amano quei loro piccoli conduttori.

— E li difendono contro gli assalti delle fiere, signore. Ho veduto un giorno una tigre tentare d’avvicinarsi ad alcuni piccoli conduttori, che giuocavano sulla riva d’un torrente. I due elefanti che stavano con loro, appena accortisi del pericolo, li posero in mezzo facendo scudo dei loro corpacci all’assalto della sanguinosa fiera.

— Quanta affezione e sopratutto quanta intelligenza! È un vero peccato uccidere animali che rendono all’uomo così preziosi servigi!

— In certe regioni dell’isola è stato proibito ammazzarli.

— Chi ha emanato quella legge ha fatto bene. E Jafnapatam sarà ancora lontana?

— Tre ore per lo meno, signore.

— Allora vi giungeremo prima del tramonto.

— Sì, se allunghiamo il passo.

— Le mie gambe non sono stanche.

Così dicendo avevano abbandonato il sentiero tracciato dagli elefanti, perchè piegava verso il centro dell’isola, e ne avevano preso un altro aperto dagli uomini.

Tuttavia non si vedeva ancora alcun abitante, anzi alla foresta succedeva la jungla, colle sue canne spinose, altissime, rifugio delle belve feroci e sopratutto dei serpenti.

Infatti essi avevano già veduto alcune fiere attraversare il sentiero e fuggire in mezzo a quel caos di piante.

Dopo due ore anche la jungla fu attraversata