Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138 sul mare delle perle

ricordano un certo luogo, dove io per poco non venivo divorato da una tigre.

— Dove, signore?

— Nelle paludi del Gange. Proviamo ad andare innanzi; vedremo se la palude cambierà.

— Come volete, signore, ma il sole cala rapido e se fra qualche ora non vedremo le pagode di Jafnapatam saremo costretti a fermarci.

— Ci accamperemo come meglio potremo, — rispose il francese.

Si rimisero in cammino seguendo degli argini naturali fiancheggiati da canne e da canali di acque putride, dove si udivano nuotare i gaviali.

Le tenebre cominciavano a calare quando si trovarono sull’orlo d’un’altra jungla, la quale pareva che fosse ben più estesa della prima.

— Non vedo le pagode della città — disse Durga. — Signore ci siamo smarriti e ci converrà aspettare qui l’alba.

— Ciò è seccante — rispose il francese — ma è necessario adattarci alle circostanze. Attraversare una jungla di notte è troppo pericoloso. Cerchiamo un luogo dove accamparci.

— Sotto quel gruppo di banani, signore. Le larghe foglie ci proteggeranno dall’umidità della notte.

— Cerca della legna secca poi ci prepareremo la cena. Devi avere un pezzo di cervio arrostito.

— E anche delle gallette e del caffè malabaro.

— Non domando di più.

Mentre il francese tagliava parecchie foglie per prepararsi un soffice letto, Durga faceva raccolta