Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xi. — il capitano della guardia 153


— Ditemi, rimarrà prigioniera Mysora?

— Amali non ha per ora alcuna intenzione di lasciarsela sfuggire perchè....

— L’ama, — disse il capitano.

— Come lo sapete?

— Ne avevo il dubbio.

— Sì, l’ama molto.

— Peccato! Sarebbe stato meglio che non avesse pensato a quella giovane.

— Eh! Andate a dirlo ad un innamorato. Credo d’altronde che sarebbe meglio che le due famiglie si imparentassero, radunando sotto un solo scettro i partigiani dell’una e dell’altra. Sarebbe buona politica.

— Ed in tal modo il marajah sfuggirebbe alla sua punizione, — disse il capitano con accento feroce. — Io però non sono innamorato.

— Le vostre parole nascondono mia grave minaccia e non vorrei trovarmi nella pelle del marajah.

Il capitano fece col capo un cenno che pareva una affermazione, poi alzandosi disse:

— Debbo recarmi ora dal marajah. Contate su di me, e, durante la mia assenza, consideratevi come i padroni di questa casa.

— Ne approfitteremo, essendo molto stanchi e anche affamati, — rispose Jean Baret. — Quando vi rivedremo?

— Prima di questa sera. Vi raccomando di non pronunciare il nome di Amali nemmeno dinanzi ai miei servi. Sarebbe pericoloso per me e più specialmente per voi.

Era appena partito, quando i servi rientrarono