Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
164 sul mare delle perle


— Voi pensate a tutto, signore. Quale fortuna per Amali l’avervi incontrato!

— Silenzio e torniamo nella nostra tenda.

Quando vi giunsero trovarono il capitano della guardia.

— All’alba si apre la caccia, — diss’egli al francese. — Sono state già segnalate cinque tigri ed il marajah mi ha incaricato di affidarvi il posto d’onore.

— Che gli prema di veder divorare un europeo? — disse Jean Baret, ridendo.

— Ritengo invece che voglia esperimentare il vostro coraggio.

— Cercherò di accontentarlo, capitano. Le tigri le conosco e qualcuna cadrà sotto le mie palle.

— Volete altri fucili? Il marajah è pronto a offrirvene.

— La mia carabina basta, — rispose Jean Baret. — Mi serve da dieci anni e non ha mai mancato una sola volta. La preferisco a tutte quelle che possiede il vostro signore.

— Dormiamo perchè colle tigri bisogna avere i muscoli ben riposati ed il polso fermo.