Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xii. — le caccie del marajah 177


— Che questa sera venga qui col canotto e si nasconda presso quel gruppo di canne che tu vedi laggiù, alla nostra destra. Se tutto va bene, noi lo raggiungeremo col ragazzo.

— Devo tornare qui?

— Sì, dopo il tramonto, onde nessuno ti veda.

— E voi renderete furiosi gli elefanti?

— Sono deciso a farlo.

— Chi vi aiuterà?

— Il capitano, il quale è deciso a seguirci per mettersi alla testa dei pescatori di perle.

— Signore, io vado a cercare Amali. Fingerò di andare alla caccia degli uccelli acquatici per non destare sospetti.

— A questa sera.

— Sarò laggiù, presso quelle canne, col padrone e con un drappello di pescatori.

Il francese tornò indietro, fischiando fra i denti, mentre Durga sparava fucilate seguendo la sponda.

— È partito? — chiese il capitano, quando lo vide tornare solo.

— Sì e questa sera Amali sarà qui.

— Io tremo pel re dei pescatori di perle. Se il marajah avesse qualche sospetto?

— Bisognerebbe che fosse un indovino od uno stregone ed io non lo credo dotato d’una simile potenza — rispose Jean Baret. — Siete deciso a unirvi ad Amali e a lasciare il marajah?

— Sono dieci anni che sospiro questo momento — rispose Binda, — Voi non potete immaginare l’odio che nutro verso questo principe che ha ucciso il mio miglior amico, il fratello di Amali.