Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
192 sul mare delle perle


Amali portava sempre il ragazzo e pareva che neanche sentisse quel peso, perchè correva avanti a tutti.

Jean Baret invece rimaneva alla retroguardia, per uccidere chiunque si presentasse.

Le grida continuavano. Tutti i cingalesi si erano slanciati, dietro ai fuggiaschi, senza più occuparsi degli elefanti.

Il marajah probabilmente era con loro per stimolarli.

— Non ci lascieranno più — mormorava Jean Baret. — Brutto affare se ci raggiungono prima di toccare il lago. Corrono come cervi questi cingalesi.

Li sentiva avvicinarsi. I più veloci non dovevano essere lontani che tre o quattrocento metri.

Anche Amali se n’era accorto e raddoppiava gli sforzi; raccomandando a Maduri di tenersi ben attaccato al collo.

Dopo altri dieci minuti di corsa sfrenata, giungevano al lago. Quindici o venti cingalesi erano alle loro calcagna ed avevano cominciato a sparare qualche colpo di fucile.

Il canotto era là, arenato sulla riva.

Durga con una scossa lo rimise in acqua, mentre Jean Baret tirava due colpi contro gl’inseguitori, atterrando i più vicini.

S’imbarcarono alla rinfusa, presero i remi e s’allontanarono velocemente, dirigendosi verso le isole. Amali ed il francese avevano ripreso i fucili, aprendo un vivissimo fuoco.

Anche i cingalesi sparavano ed il loro numero