Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/235

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xiv. — i cingalesi alla riscossa 209

potrebbe perdere le nostre orme nei terreni umidi ed ingombri di vegetali.

— Vorrei essere a bordo del vostro Bangalore.

— Domani, se vedremo che i cingalesi si sono allontanati, caleremo verso il lago e andremo a cercarlo.

— E se il marajah lo scopre?

— I miei uomini hanno le spingarde e si difenderanno vigorosamente. Io non ho alcun timore per loro e poi possono allontanarsi quando vogliono e ritornare a loro piacimento.

— Non ha una flottiglia il marajah?

— Sì, sulla costa.

— Navi o scialuppe?

— Delle piccole galee, che non possono competere col mio Bangalore e che non hanno alberatura — rispose Amali.

— Non potrebbero risalire il canale ed entrare nel lago?

— Sì, ma occorrerrebbe però del tempo, un paio di giorni per lo meno. Volete andare a riposarvi?

— Non ne ho più voglia. Questo cane, che continua a urlare, m’impedirebbe di chiudere gli occhi. Non vi pare che i latrati si avvicinino?

— Mi sembra, Jean Baret — rispose Amali, che pareva molto preoccupato. — Quel cane deve essere già giunto nella jungla.

— Finirà col trovarci.

— Resisteremo agli uomini che lo seguono.

— E se sono molti?

— Non credo. Il marajah probabilmente avrà diviso le sue genti in numerosi drappelli, allo