Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220 sul mare delle perle

Nell’oscurità non si sono accorti che l’avevo sotto la fascia. Se potessi prenderlo? Questi uomini corrono come demoni e non s’accorgerebbero subito dell’alleggerimento della barella.

Rianimato dalla speranza di poter riacquistare la libertà; Jean Baret rinnovò gli sforzi. Se riusciva a liberare un braccio e afferrare il pugnale, poteva tentare la salvezza.

Le corde gli entravano nelle carni, producendogli dolori acuti, nondimeno continuava a fare sforzi erculei per allargarle.

Dopo qualche po’, sentì che il braccio sinistro, a poco a poco, scivolava fra i nodi. Raddoppiò le trazioni e finalmente liberò il polso. Era già qualche cosa.

Torcendo la mano fino quasi al punto di slogarla, l’accostò alla fascia e riuscì a afferrare il pugnale. Con un grande sforzo potè trattenere un grido di gioia.

I portatori, che correvano sempre all’impazzata e che non si preoccupavano che di evitare le canne spinose, non si erano accorti di nulla. E poi, come abbiamo detto, una seconda tela copriva il prigioniero.

Jean Baret tagliò una prima corda, poi una seconda, quindi adagio adagio, senza scosse, liberò tutto il corpo.

— Ora sventrerò la tela inferiore e mi lascierò cadere.

Un pensiero lo trattenne.

— E se dietro questi portatori ci sono gli altri? — si chiese.