Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/279

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xvii. — le galee del marajah 249


— D’incontrare la flotta del marajah unita a quella del principe di Manaar. So che si sono alleati.

— Per agire contro di voi?

— Vogliono tentare d’impadronirsi della mia rocca.

— Avete persone sufficienti per difenderla?

— Centocinquanta uomini e dodici spingarde e poi le sue spiaggie sono inaccessibili, — disse Amali. — non vi è che una caverna che permetta di salire e quella è piena di pesci-cani, che non riconoscono che i miei uomini. Si provino ad assalire il mio covo, se l’osano.

— Ed ora che cosa farete? Mysora è vostra prigioniera, il ragazzo è in nostra mano, quindi non esiste più alcun ostacolo per scatenare la guerra. Sono pronti i vostri pescatori di perle?

— Non aspettano che un mio ordine per abbandonare i banchi ed impugnare le armi.

— Poichè le cose sono a questo punto, possiamo agire.

— Sì, quando saremo giunti alla mia rocca manderò emissarii ai banchi affinchè avvertano i capi dei pescatori.

— Di quanti uomini può disporre il marajah? — chiese Jean Baret.

— È molto se potrà mettere in armi cinque o seimila guerrieri.

— E voi?

— Da quindici a ventimila.

— Vittoria assicurata. Il marajah pagherà care le sue crudeltà.