Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
262 sul mare delle perle


— Sì, signore, sperando di raggiungere le sue navi e di dirigere l’attacco.

— Ed i pesci-cani, manco a dirlo, lo hanno divorato.

— È successo così.

— Mi rincresce che quel bravo giovane abbia fatto una fine così miseranda — disse Amali. — Gli uomini che erano incaricati di sorvegliarlo e che lo hanno lasciato fuggire, avranno la punizione che si meritano. Mysora sarebbe capace di serbarmi rancore per la morte del principe.

— Un rivale di meno — disse Jean Baret. — Quantunque vostro prigioniero poteva diventare un uomo assai importuno.

— Era un principe leale e valoroso.

— Doveva rimanersene nella sua stanza invece di tentare la fuga. Lasciamo il principe e pensiamo a organizzare la difesa.

— Tutto è pronto, signore — disse il capo. — Abbiamo piazzate le spingarde dietro i parapetti e radunato enormi quantità di sassi da rovesciare sulle galee.

— Jean Baret — disse Amali. — Volete visitare le nostre difese?

— E voi?

— Mi preme vederla — rispose Amali a voce bassa.

— E sopratutto parlarle.

— Sì, Jean Baret.

— Quando me la presenterete?

— Domani.

— Vi auguro che vi faccia buona accoglienza.