Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/315

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO XIX.

Alla conquista d’un regno.

La flotta radunata dai pescatori di perle era talmente numerosa, da stupire lo stesso Amali, il quale non credeva di avere tanti partigiani sparsi sui banchi di Manaar.

Essa si componeva di mille duecento barche, più o meno grosse, montate da sedici mila pescatori, parte cingalesi e parte indiani del Malabone e del Coromandel, egregiamente armati e bene organizzati.

Già la notizia che il loro re stava per fare la guerra al feroce marajah di Jafnapatam per riconquistare il trono dei suoi avi, si era sparsa fra di loro e si erano affrettati ad armarsi, per essere pronti ad ogni suo cenno.

Udendo le spingarde tuonare verso l’isola, si erano immaginati che il marajah avesse tentato un colpo di testa contro il temuto rivale ed avevano abbandonato senz’altro i banchi per accorrere in difesa del loro signore e della sua rocca.

Come abbiamo veduto, erano giunti in buon punto, quando già i cingalesi di Jafnapatam ave-