Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/324

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
290 sul mare delle perle


— Quale? — chiese Jean Baret.

— Che ella abbia acconsentito a diventar mia moglie non già per amore, bensì per salvare la vita a suo fratello.

— Non lo credo — rispose il francese. — Non dubito che soffra molto pensando a quello che noi stiamo per compiere, ma non sono convinto che non vi ami. Quella fanciulla deve essere leale.

— Me lo auguro, perchè la ferita sarebbe troppo crudele e allora non risponderei della vita del marajah.

— E rinuncierete al trono senza rimpianti?

— Sì, Jean Baret. Il mio sogno era di riconquistare la corona dei miei avi non per me, bensì per Maduri, che ne è il legittimo erede. Io governerò in nome suo finchè avrà raggiunto l’età maggiore, poi gli rimetterò il potere.

— Ed al marajah darete qualche provincia da governare?

— Sì, una delle migliori, ma anche molto vicina per sorvegliarlo strettamente, quantunque non possa avere troppi partigiani e non possegga la stoffa d’un guerriero.

— Troveremo seria resistenza?

— Me l’aspetto. Il marajah ha nelle sue truppe molti candiani, mercenarii che gli sono devoti e che sono altresì assai coraggiosi.

— Abbiamo sedicimila uomini, una forza imponente, che non retrocederà facilmente — disse Jean Baret.

— Oh, io ho completa fiducia nei miei pescatori di perle — soggiunse Amali. — Essi non ce-