Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/361

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xxi. — l'insurrezione 323

poi nuovamente si fermarono, mentre intorno a loro s’udivano voci rauche e minacciose.

— Fermatevi!

— Chi conducete?

— Chi sono questi prigionieri?

— Chi oppone resistenza sarà ucciso!

— Fate largo! — grida una voce. — Andiamo dal marajah.

Urla furiose si alzano dappertutto.

— Abbasso il marajah! Morte al tiranno! Consegnate i prigionieri!

Venti mani strappano la coperta che nasconde Jean Baret e questi si vede circondato da una folla di cingalesi, armati di carabine, i quali non sono quelli della scorta.

Un grido di gioia e di stupore prorompe da cento bocche.

— L’uomo bianco! Il salvatore di Amali! Viva il francese!

Jean Baret si sente liberare dalla rete e sollevare in aria. Vede dappertutto gente armata che si pigia su una vasta piazza e che agita pazzamente le mani, salutandolo con entusiasmo. Per un momento credette di sognare.

Un uomo, che porta sul capo un enorme ciuffo di piume di pavone e che indossa una superba camicia di seta azzurra ricamata d’argento, fende la folla, fa deporre a terra il francese ancora stupito e gli stringe la mano dicendogli:

— Io sono il fratello del capitano Binda ed io so che voi l’avete salvato dai denti dei coccodrilli: