Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/389

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xxiii. — l'ultimo colpo di amali 349

ai capi, spiegando alla meglio il motivo di quella precipitosa partenza.

— Calmatevi, — disse il francese che aveva raggiunto il re dei pescatori sulla sua nave. — Il marajah non ha che qualche ora di vantaggio su di noi, quindi non dovete prendervela con tanta furia. Io anzi dubito che abbia potuto raggiungere la sua flotta.

— E se fosse già partito? — chiese Amali, con angoscia.

— La vostra rocca, anche difesa da pochi uomini, non si prende in dieci minuti.

— Questo è vero, — rispose il re dei pescatori, il quale a poco a poco riacquistava la sua calma. — Quanta riconoscenza vi debbo, Jean Baret! Senza di voi avrei certamente perduto Mysora, perchè io non avrei mai potuto immaginare tanta perfidia in quell’uomo!

— Non date troppo merito a me. Se il ministro del marajah non me lo avesse detto, nessuno avrebbe saputo nulla.

— Siete partito subito?

— Senza perdere un minuto.

— Ed io che vi credevo morto!

— Ucciso dai candiani?

— Sì, Jean Baret.

— E anche Maduri?

— Anche lui.

— Avevate però deciso di continuare l’impresa.

— E di vendicarvi — rispose Amali.

— E come avete potuto sfuggire ai candiani?

— Non lo so. Il mio drappello era riuscito a