Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/395

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xxiii. — l'ultimo colpo di amali 353

da ambe le parti e facendo grande strage, poi il Bangalore abbordò la galea presso la poppa.

Amali aveva sessanta uomini; il marajah cinquanta. Sì gli uni che gli altri erano però guerrieri scelti, d’un valore straordinario e armati di carabine, di pistole e di scimitarre.

Amali e Jean Baret, pei primi, si erano slanciati sulla tolda della galea, impegnando una lotta tremenda.

I guerrieri di Jafnapatam si erano stretti intorno al marajah, formando una barriera irta d’armi e assolutamente compatta.

— Arrendetevi! — aveva gridato Amali. — Le vostre squadre sono già state sgominate!

I cingalesi avevano invece risposto con urla di guerra e di morte e si erano scagliati all’assalto, cercando di respingere gli avversari. I pescatori erano intanto accorsi in aiuto dei loro capi, attaccando colle scimitarre e colle pistole, risoluti ad impadronirsi della galea e del marajah.

Combattevano d’ambe le parti con grande valore, con vero accanimento, tirando fendenti per ogni dove e scaricando le pistole.

Tre volte Amali e Jean Baret avevano cercato di sfondare le linee nemiche e altrettante erano stati respinti con gravissime perdite.

— Tirate colle spingarde dentro la massa! — gridò Jean Baret.

Durga volse una spingarda, la fece caricare a mitraglia e, fatto staccare il Bangalore onde non colpire i compagni, la spinse sul fianco destro della galea e fece fuoco quasi a bruciapelo.