Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 sul mare delle perle


— Ah!...

— Che cosa c’è ancora, padrone?

Una profonda increspatura si era delineata sulla fronte del re dei pescatori di perle.

— Vedo un altro punto nero che segue la barca di Mysora.

— Che sia la scialuppa del principe di Manaar?

— Deve essere la sua, Durga.

— Venti contro trentasei!... La partita ingrossa.

— Ed io non conto?

— Tu vali per dodici, padrone; ma.... non vedi anche una macchia bianca muovere al largo dai banchi? È lo stazionario inglese che segue a distanza Mysora ed il principe di Manaar.

— Anche gli uomini bianchi! — esclamò Amali, coi denti stretti. — Si sono alleati tutti contro di me? Durga, torniamo a bordo!...

— Assaliremo egualmente?

— Questa notte nemmeno Budda mi tratterrà, dovessi combattere contro i cingalesi e gl’inglesi. La mia scimitarra non risparmierà nessuno.

Scesero dallo scoglio, lasciandosi scivolare sui pendii e balzando di piattaforma in piattaforma, giunsero, dopo soli cinque minuti, sulla spiaggia, dove il loro canotto si era arenato a causa della bassa marea.

Con venti colpi di remo attraversarono il bacino e salirono sul Bangalore. Gli uomini di Amali si erano già pure accorti dell’avanzarsi della scialuppa di Mysora e si erano coraggiosamente preparati alla pugna.

Le spingarde erano state caricate con palle da