Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
40 sul mare delle perle


Non essendo la loro scialuppa tale da poter misurarsi colla piccola nave del re dei pescatori di perle, nè possedendo alcuna spingarda, miravano a rifugiarsi nel bacino ed a prendere terra.

Amali non era uomo da lasciarsi ingannare, nè da perdere così facilmente la preda. Con una manovra rapidissima, il Bangalore girò di bordo e andò proprio ad incrociare la scialuppa.

A quaranta passi, il re dei pescatori lasciò la barra del timone ad uno dei suoi uomini, impugnò colla destra la scimitarra e colla sinistra una pistola, poi si slanciò a prora, gridando con voce poderosa:

— Alt!... Non si passa!... Arrendetevi o comando il fuoco!...

Un uomo, un ufficiale del marajah, che indossava vesti sfarzose, e che aveva sul turbante una lunga penna di pavone, insegna di comando, si era gettato prontamente davanti a Mysora per farle scudo col proprio corpo, impugnando contemporaneamente due lunghe pistole incrostate di madreperla.

— Chi siete e che cosa volete? — domandò, mentre i suoi uomini, abbandonati precipitosamente i remi, afferravano le sciabole.

— Sono il re dei pescatori di perle — rispose Amali, con voce minacciosa. — Chi mi resiste è uomo morto.

Mysora, udendo quel titolo, aveva mandato un grido di terrore:

— Il nemico di mio fratello!

— Abbasso le armi! — comandò Amali, mentre il Bangalore abbordava la scialuppa.