Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
48 sul mare delle perle


— Ti obbedisco, padrone.

In quel momento una cannonata parte dalla nave inglese e la palla va a forare una vela del Bangalore.

— Al sud! — grida Amali, prendendo la barra del timone. — È inutile rispondere colle spingarde.

La nave si rimette al vento, in modo da prenderlo a poppa e balza sulle onde, allontanandosi.

Anche lo stazionario inglese ha spiegato tutte le vele supplementari ed aumenta la sua velocità, avendo imitato la manovra del Bangalore.

È troppo pesante però per poter gareggiare vantaggiosamente col piccolo e leggierissimo veliero del re dei pescatori di perle, il quale sembra che sfiori appena l’acqua.

Spara due cannonate, poi un’altra, ma le palle cadono nella scìa dell’acqua.

— Siamo già fuori di portata — mormora Amali, con un sorriso di soddisfazione.

Durga saliva in quel momento.

— Hai medicato il principe? — gli chiese il re dei pescatori.

Si, padrone.

— È grave la sua ferita?

— Più dolorosa che pericolosa. La tua scimitarra è scivolata sulle sue costole e non gli ha prodotto che un taglio superficiale. Fra qualche settimana potrà essere in piedi.

— E Mysora?

— L’ho chiusa nella tua cabina.

— Hai levato le mie armi?

— Tutte, Amali.

— Piange?