Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. vi. — una nuova spedizione 81


— Potrebbe egualmente ucciderti.

— Non lo farà, Mysora, perchè la tua vita risponderà della mia. Se io fossi ucciso, i miei uomini, anche se mi avessero promesso di risparmiarti, ti ucciderebbero.

Vi fu un breve silenzio. Negli sguardi della giovane si vedeva balenare un lampo di terrore.

— Allora sono perduta — mormorò.

— Finchè io sarò vivo, tu non correrai pericolo alcuno.

— Non recarti da mio fratello, re dei pescatori di perle. Egli ti odia più di quanto supponi, perchè teme che un giorno tu possa riuscire a strappargli il potere.

— Ho deciso di recarmi a Jafnapatam e lo farò — rispose Amali, con accento risoluto. — Quando anche fossi sicuro di morire io vi andrei.

— Ammiro il tuo coraggio, però preferirei che tu mandassi un altro in vece tua. Mio fratello è di carattere violento e vendicativo e potrebbe lasciarsi trasportare da qualche eccesso.

— Hai paura che mi uccida e che i miei uomini facciano subire a te egual sorte; ho indovinato Mysora?

— No — rispose la giovine con vivacità, fissando i suoi begli occhi in quelli d’Amali. — Vorrei che vi andasse un altro per evitarti qualche tradimento e per....

— Prosegui — disse il re dei pescatori di perle, con ansietà.

— Perchè.... i prodi si ammirano.

— Che importa a te che io cada nell’impresa?