Pagina:Salgari - Un dramma nell'Oceano Pacifico.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'incendio della nave. 147


tuttavia l’interruzione è momentanea, perchè viene ripresa non appena le orribili piaghe del povero torturato si sono rimarginate.

Tutti i malfattori del Regno Unito tremano quando odono parlare del gatto a nove code, e lo temono più della morte. Per dimostrare quanto vi sia di vero in ciò, basti dire che fu con questo staffile che i giudici londinesi posero fine a quella famosa banda di strangolatori che celavansi di notte nei vani delle porte, per strozzare i viandanti mediante un nodo scorsoio.

La pena di morte applicata a taluni di quei birbanti non era bastata a spaventare gli altri; ma appena si decretò per quegli scellerati un numero spaventevole di colpi di gatto a nove code, tanti da far morire il condannato, la banda si sciolse e nessuno osò più strangolare un solo viandante notturno.

Bill, che si era qualificato per un marinaio inglese, non doveva ignorare la gravità della pena; pure quel tristo che doveva possedere una energia a tutta prova e un’audacia più che straordinaria, guardò freddamente Asthor che si avvicinava, facendo fischiare le nove strisce di cuoio indurito.

— Nudategli il dorso — disse il vecchio marinaio.

A questo comando il naufrago trasalì e tentò respingere i marinai che lo trattenevano, esclamando con voce strozzata:

— Ah! No, questo no!...

— E perchè no? — chiese il capitano Hill, nella cui mente balenò un sospetto.

— Non è necessario.

— Forse nascondi qualche cosa sulle tue spalle?...

Il naufrago lanciò sul capitano uno sguardo feroce, e tentò di rialzarsi facendo uno sforzo disperato; ma i marinai lo tennero fermo.