Pagina:Salgari - Un dramma nell'Oceano Pacifico.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i frangenti. 63


— Nessuno, signore, — risposero i marinai che si erano aggruppati presso l’albero.

— Non l’avete veduto discendere?

— No.

— Che sia caduto in mare? —

In quel momento un lampo abbagliante ruppe l’oscurità che pesava sull’oceano. Tutti gli occhi si fissarono sulla vela di parrocchetto e tutti videro distintamente che il luogotenente non era più sull’albero.

— Gran Dio! — esclamò il capitano, facendo un gesto disperato.

Si slanciò verso la murata di babordo scrutando le onde e gettò tre tuonanti chiamate:

— Signor Collin!... Dove siete?... Rispondete, in nome di Dio!... —

Anche queste chiamate non ebbero esito migliore delle altre. Il mare ruggiva sempre, il vento urlava e fischiava attraverso l’alberatura e il sartiame, ma nessuna voce umana si udiva mescolarsi alla possente voce della tempesta.

— Perduto!... — esclamò il capitano Hill con accento disperato. — Asthor, viriamo di bordo!...

— La tempesta incalza, signore, e le onde ci assaliranno sui fianchi, — disse il vecchio marinaio.

— Bisogna tentare di salvarlo.

— Badate, signore, che metterete a pericolo la nave.

— Non importa, Asthor; tutto si deve tentare per salvarlo. Ai bracci delle vele voialtri e pronti per virare!... —

Era una pazzia il voler virare di bordo con quell’uragano che assaliva furiosamente la Nuova Georgia. Le onde potevano irrompere sul suo fianco, spostare il carico della stiva e rovesciarla; ma il capitano Hill era un uomo di gran cuore, che amava molto i suoi