Pagina:Santucci Sulla melodia Lucca 1828.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

......................................

Ho io appreso quel , che s’ io ridico ,
A molti fia savor di forte agrume :
E s’ io al vero son timido amico ,
Temo di perder vita tra coloro ,
Che questo tempo chiameranno antico.
......................................
............... rimossa ogni vergogna
Tutta mia vision fo manifesta;
E lascio pur grattar dov’ è la rogna .
Che se la voce mia sarà molesta
Nel primo gusto, vital nutrimento
Lascerà poi , quando sarà digesta .

Dante Parad. xvii, 116.