Pagina:Satire (Giovenale).djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SATIRA III


Umbrizio; ossia Roma è divenuta inabitabile.


    Sebben mi renda grullo la partenza
Del vecchio amico, tuttavia lo lodo
Ch’abbia deciso di fissar sua stanza
Nella deserta Cuma, e fare il dono
D’un nuovo cittadino alla Sibilla.1
Di Baia essa è la porta,2 amica spiaggia,
Grato ritiro: ed io Procida stessa
Alla Suburra preferisco.3 E invero
Qual sito sì meschino e spopolato
Videsi mai, che non sia molto peggio
Star sempre con paura or d’un incendio,
Ora che un tetto ti ruini addosso,

caricamento di la:Page:Satire (Giovenale).djvu/151 in corso... Loading.gif

  1. [p. 177 modifica]Presso Cuma era la grotta della più famosa tra le Sibille, detta perciò Sibilla Cumea.
  2. [p. 177 modifica]I Romani che si recavano a Baja per villeggiare o prender bagni, dovevano passare da Cuma: però questa è detta la porta di Baja.
  3. [p. 177 modifica]La Suburra era una delle vie più popolate di Roma, e correva dal gran Foro all’Esquilie.