Pagina:Satire (Orazio).djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

72

Scherno a’ nemici! E qual de’ due può meglio
In se stesso fidar pe’ dubbj casi?
Quei che la mente e il rigoglioso corpo
170A più bisogni assuefece, o quei
Che contento del poco e timoroso
Dell’avvenir, come fa il saggio, in pace
Appresta quel che gli fia d’uopo in guerra?
E perchè più tel creda, io fin da’ primi
175Anni infantili miei conobbi Ofello.
Non più lauto vivea qnand’era in fiore
Lo stato suo d’or ch’è ridotto al verde.
Tu lui robusto lavorante a prezzo
Nell’assegnato campicel vedresti
180Così parlare infra le mandre e i figli:
Io ne’ dì non festivi altro non ebbi
Già in uso di cibar se non erbaggi
Con un po’ di presciutto affumicato.
E se dopo gran tempo un qualche amico
185Di lontan mi veniva, o se un vicino,
Quando la pioggia interrompea il lavoro;
Buon pranzo si facea non già co’ pesci
Della città, ma con capretto e pollo.
Uva al soffitto appesa e fichi e noci
190Eran l’onor delle seconde mense.