Pagina:Satire (Persio).djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

95

NOTE


Alla Satira IV.


Assunta la persona di Socrate rimproverante Alcibiade, inveisce Persio contra un giovine presuntuoso, che superbo de’ suoi illustri natali, ma privo d’esperienza e di senno accatta il favore del popolo, e intraprende il maneggio della Repubblica. In questo temerario ambizioso ravvisano Nerone gl’interpreti pressochè tutti, e la satira è veramente sparsa di qualche tratto che pur potrebbe persuaderne l’applicazione. Tale, per dirne alcuno, sarebbe il Dinomaches ego sum, ove il pensiero corre subito ad Agrippina; e il majestate manus, cenno d’imperio conveniente al signore del mondo più assai che ad un privato Ateniese; e il magni pupille Pericli, ove può nascer sospetto, che il poeta sotto il nome di Pericle voglia disegnarne Seneca, tutor di Nerone. Con tutto ciò queste pretese allusioni sono sì tenui e fuggitive, ch’egli è impossibile il conciliarne la temperanza co’ vizj di Nerone, e coll’austera indole liberissima del nostro Satirico, insofferente d’ogni morale depravazione, e tale da non pateggiare co’ scellerati. Il Casaubono, percosso ancor esso dalla discreta mordacità di questa satira, e ostinato pure nel credere, che Nerone vi sia preso di mira, si appiglia al partito di opinare che Persio la scrivesse ne’ primi anni della tirannide di quel mostro, i quali pur ebbero una certa apparenza di mansuetudine e di virtù; ma non tale da far abbaglio a chi sa vedere oltre la scorza. La virtù vera porta in viso un certo carattere, che l’ipocrita, per destro ch’ei sia, non giunge mai a ben imitare. E in tutti i tempi e per tutto v’ha una classe di non servi intelletti, che separata dal volgo, ed intatta dagli stimoli dell’ambizione osserva e giudica e dirige senza strepito il corso dell’opinione: la quale erigendo nel segreto più intimo de’ pensieri il suo invisibile tribunale condanna all’infamia il delitto sul trono, e incorona la virtù sul patibolo; comanda a tutti, non obbedisce a veruno. Le ipocrite virtù di Nerone, le quali ne’ primordj della