Pagina:Satire (Persio).djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

55

SATIRA III.


Un Pedagogo, ed un Giovine


Sempre così? Già chiaro s’introduce
     Per le finestre il sole, e li spiragli
     3Angusti allarga la diffratta luce.
Russiam quanto a schiumar l’ambra, che smagli,
     Di campano Lieo sarebbe assai,
     6Finchè il gnomon la quinta linea tagli.
Cuoce Sirio furente, (a che più stai?)
     L’arse messi da un pezzo, e tutta è sotto
     9Ai lati olmi la greggia. G. Oh che di’ mai?
E fia vero? Ehi di là: quì alcun di botto:
     Nessun? — La bile allor lampeggia; i piedi
     12Batte il monello, nel gridar sì rotto,
Che le bestie ragliar d’Arcadia credi.
     Già libro, e carta, e canna, e bicolore
     15Liscia membrana nella man gli vedi.
Or duolsi che dal calamo l’umore
     Goccia un po’ grosso, ed or che per infusa
     18Tropp’acqua il nero dell’inchiostro muore;
Or la cannuccia, che fa scorbj, incusa.
     P. Uh poverello! e ognor più poverello!
     21E a tal siam giunti? Per miglior tua scusa