Pagina:Satire di Tito Petronio Arbitro.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

qualche scappata sulle belle arti 111

    Della patria il destin cagionò pianto.
    80Così già al suo perir Troia vicina,
    Col profanar delle persone sacre,
    A perir cominciò perdendo i Dii.
Del fraterno splendor piena, già il bianco
    Velo alzava la luna e conducea
    85Col chiaro raggio le minori stelle,
    Quando dalla trincea spandonsi i Greci
    Fra i sepolti nel vin Teucri e nel sonno,
    E gli scannan così. Con tale orgoglio
    Usano l’armi quei guerrier, col quale
    90Suol tessalo caval cui la cervice
    Lungo tempo curvava il duro giogo,
    Vibrarsi al corso, e l’alto crin quassare.
    Givan le spade in cerchio, e selci e sassi
    Rimovendo dal suol ripiglian guerra.
    95Qui agli ubriachi un tronca i capi, e il sonno
    Prolunga lor sino all’eterna notte,
    Là col foco dell’are un altro accende
    Le incendiatrici fiaccole, ed invoca
    A danno de’ Troian di Troia i Dii.