Pagina:Saul.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 SAUL
SAUL

Felice il padre di tal prole! Oh bella
Pace dell'alma!... Entro mie vene un latte
220 Scorrer mi sento di tutta dolcezza... —
Ma, che pretendi or tu? Saúl far vile
Infra i domestich’ozj? Il pro’ Saulle
Di guerra or forse arnese inutil giace?

DAVID

 »Il re posa, ma i sogni del forte
225 »Con tremende sembianze gli vanno
 »Presentando i fantasmi di morte.
 »Ecco il vinto nemico tiranno,
 »Di sua man già trafitto in battaglia;
 »Ombra orribil, che omai non fa danno.
230 »Ecco un lampo, che tutti abbarbaglia....
 »Quel suo brando, che ad uom non perdona,
 »E ogni prode al codardo ragguaglia. —
 »Tal, non sempre la selva risuona
 »Del Leone al terribil ruggito,
235 »Ch’egli in calma anco i sensi abbandona;
 »Nè il tacersi dell’antro romito
 »All’armento già rende il coraggio;
 »Nè il pastor si sta men sbigottito,
 »Ch’ei sa, ch’esce a più sangue ed oltraggio.
240 »Ma il re già già si desta:
 »Armi, armi, ei grida.
 »Guerriero omai qual resta?
 »Chi, chi lo sfida?