Pagina:Scientia - Vol. IX.djvu/266

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


258 " scientia „ sta terra, sacra alla libertà di pensare; poiché a nulla varrebbe avere affermato di fronte alla società il diritto della coscienza individuale, se l’ingiuria cancellata dalle leggi non venisse pur cancellata dagli animi, e il rispetto dell’uomo verso l’uomo non partorisse l’intelligenza e l’amore. Perciò all’opera vostra consente la città di Bologna e con essa il popolo d’Italia, onde, interpretandone anche una volta il pensiero, vi accoglie il Re degli italiani, augusto protettore di questo Congresso.

E vano dissimularlo. Non basta eliclo spirito dell’uomo si pieghi benevolente ad interrogare il fratello; il senso di simpatia che ci fa presentire l’identità d’un comune ideale, non è ancora che l’espressione d’un desiderio, la premessa di un’opera di ravvicinamento che solo il pensiero può compiere e fermare nella consapevolezza d’una realtà umana. Ma appunto questa realtà che inseguiamo con sforzo secolare per le vie della storia, par dileguarsi quasi fantasma al lume della critica. Onde già la ricerca di definire ciò che cerchiamo come reale sembra metter capo ad un irriducibile contrasto. Ne vale a nasconderlo, comporre la divisione degli spiriti nei rigidi schemi di un particolarismo scientifico e filosofico, onde a ciascuno sia dato un proprio campo che con diritto coltivi a suo modo fuor dell’altrui controllo e di cui ciascuno faccia a se stesso il mondo della realtà universa. Teoria e pratica, ragione e fede, scienza e filosofia non si lasciano partire in siffatta guisa, se non col segreto disegno d’innalzare il proprio vero di fronte ad altro che si disdegni come misero o vano. Giova dunque investigare più profondamente i significati diversi che si raccolgono sotto lo stesso nome di realtà; ma l’analisi non può essere il termine della ricerca, bisogna ancora spiegare perchè a quella parola convengano ― nonostante i diversi significati ― le aspirazioni medesime. Tale e il problema, non piìi critico o storico e filologico, ma, veramente filosofico: il problema della lotta nel campo del pensiero, e dell’identità umana che in questa si disvela e s’afferma. Le definizioni della realtà ridotte a due tipi Le risposte al problema della realtà si succedono nella storia in forme così varie e discordi che meraviglia perfino di trovarle contrapposte come soluzioni di uno stesso prò