Pagina:Scienza - Li Meravigliosi Secreti di Medicina, 1618.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


tó:& m te guanto,enornvi curate di cercare riigliqxe ri d •medi a di quefto, per ciocie quotiti W fak&m* * uemonc,nejjùno èjiiujcfto * fero, e che b abbia fatto più qella operationc’, & * in pillitene tempo,di.qucfi 0. ^,,.,5 Modo facilifliaio & beilo per allagare & te? nere aperte le piaghe non mai più veduto ne.peniate. Gap. XX X V. ^ T Orrete primieramente.colla. di pe]oè. 9 h quale petto che ellafaro, e ridotto in pe^taciti minuti / opra yn incudine col martello, & pofiarn vn ampolla di vetro, metteteti tatù to aceto f idato, onero commune, quanto jolo la pò fa dijfoluere, imperoche quella colla adiffoluerfì vuole l’aceto, & coni acqua x<& non polendo battere di queita colla di pefcèia, torrete altre code Todefcbe,ouern altri fintili fatte, di carta pecora, Ufciando però la colla cemqna, percioche eda fe bene è buona, & s’tndurifee come l’altra,nondimeno perchè ellapuT^ %a,non la vogliamo, attefo che ognuno che pia glia quella noflra cofa preparate in mano, magatigli andofi di efia come cofa incognita,fittilo f odora,ondeebefentedo l’odore della collaceri nona,fi crederebbe fubitoeffer qualche cofa artificiata, Polendola dunque fare; pigliate qual " 7 " " poJtPp*