Pagina:Sella - Plico del fotografo.djvu/245

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

parte seconda. 223

prendere a quest’ultimo la proprietà di colorare le prove in bruno rosso.

L’acido acetico non è un acido così potente ed energico come l’acido solforico o l’acido nitrico; epperciò la sua presenza in contatto colle sostanze organiche è meno nociva, e negli straterelli di collodio e di albumina sensibilizzati non fa l’effetto di ritardare fortemente l’impressione luminosa’ come farebbe p. e. l’acido nitrico.

L’acido acetico cristallizzabile che si tira dal commercio contiene quasi sempre delle traccie assai sensibili di acido cloroidrico, e di acido solforoso, assai nocive alle operazioni fotografiche.

Si correggerà l’inconveniente addizionandolo con alcune goccie di una soluzione concentrata di nitrato d’argento. Si forma un intorbidamento bianco che si depone col riposo, e che lascia il liquido limpido, buono a servire.

ALBUMINA.

E un composto organico molto complesso; l’albume d’uovo è albumina quasi pura. Mulder trovò

in 100 parti di albume d’uovo,

54,82

»

»

carbonio,

7,11

»

idrogeno,

21,30

»>

»

ossigeno,

4 5,94

»

»

azoto,

0,38

»

»

solfo,

0,i5

»

)>

fosforo.

Il fotografo estrae sempre l’albumina che impiega dalle uova di gallina, separandola dal rosso o tuorlo, che per contenere una specie d’olio farebbe macchiare il disegno, e dalla cicatricola o seme insolubile che racchiude l’embrione. L’albumina delle uova è contenuta in una delicata membrana cellulare, da cui il foto