Pagina:Sentenza Tribunale di Milano - Caso Mills.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


dalla difesa Mills, perché il suo esame è richiesto in ordine al contenuto di norme di legge, vale a dire il regime fiscale delle donazioni nel Regno Unito.

Tutta l’udienza del 4 maggio 2007, rigettata la richiesta di revoca dell’ordinanza di ammissione prove sopra riportata, veniva dedicata alle questioni inerenti le modalità ed i tempi dell’assunzione, in particolare per rogatoria, delle prove testimoniali.

L’11 maggio 2007 il Tribunale dava lettura delle richieste rogatoriali.

All’udienza del 18 maggio 2007 (l’ottava del procedimento) aveva inizio l’istruttoria dibattimentale vera e propria, con la deposizione dei testimoni Paolo Marcucci e Marina Fistoulari Mahler.

I tentativi di ottenere la presenza del teste Flavio Briatore occupavano le udienze dell’1 giugno 2007 e 8 giugno 2007, finché questi compariva e veniva esaminato il 22 giugno 2007.

Le richieste di rogatoria in Liechtenstein e Confederazione Elvetica, nel frattempo trasmesse, venivano accolte e in data 9 luglio 2007 veniva sentito a Vaduz il teste Heimo Quaderer, in data 10 luglio 2007 a Berna la teste Maria De Fusco: in entrambi i casi alla presenza del Tribunale e delle parti. Il verbale delle dichiarazioni rese dalla seconda, che non si opponeva alla loro trasmissione, perveniva al Tribunale il 18 settembre 2007; invece, a seguito dell’opposizione presentata dalla difesa Berlusconi, respinta in tre gradi di giudizio dalle autorità del Liechtenstein, il verbale della deposizione di Quaderer veniva depositato al fascicolo del dibattimento solo il 17 luglio 2008, come già si è scritto.

All’udienza del 13 luglio 2007 si presentava il testimone Diego Attanasio, il cui esame – protrattosi per tutta la giornata – proseguiva il 21 settembre 2007.

Era stata nel frattempo accolta la richiesta rogatoriale avanzata alle Autorità del Regno Unito. Fra il 24 e il 27 settembre 2007, a Londra, predisposto a cura e spese dell’Autorità Giudiziaria italiana un sistema di registrazione e traduzione simultanea (con interpreti londinesi), deponevano i testimoni Robert Drennan, David Barker, Andrew Costard, Jeremy Scott, Virginia Rylatt, Sue Mullins, Nadia Ignatius e Tanya Maynard Ghazvini.

Va dato atto del fatto che David Mills compariva in aula, a Londra, il 27 settembre, ed assisteva alla parte iniziale della deposizione della teste Rylatt.

Le modalità di assunzione di tutte le testimonianze erano fonte di discussione e decisioni dell’Autorità britannica.

In sintesi, va detto che le difese – in particolare la difesa Berlusconi – si opponevano a che le deposizioni avvenissero alla presenza del Collegio, con articolate argomentazioni (per le quali si rimanda alla trascrizione e traduzione delle udienze, in atti), e più precisamente si opponevano alla presenza del Tribunale laddove i singoli testi si fossero avvalsi (come poi si avvalevano) del segreto professionale ai sensi della legge italiana, ex art. 200 c.p.p. Il giudice inglese, in accoglimento della