Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/203

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


scosso, colpito dalle due versioni che lo ripiombarono nei suoi sospetti.

— Un minuto di pazienza e sono con voi — disse don Filippo Gambardella.

Gaetanino Starace uscì, ridendo, e promettendo sempre di ritornare l'indomani.

— Ci metterete qualche cosa sulla banca Ruffo—Scilla, voi? — domandò il professore, mentre il libraio gli cercava il volume del Muratori.

— Chissà — fece quello, scendendo dalla scaletta.

— Ci metterò forse una piccola somma.

— Non vi pare un azzardo?

— Anche il lotto è un azzardo: e lo fa il governo e tutti ci giuocano, — osservò il pensionato. — Vorrei tener denaro, io — D'altronde, sono speculazioni inglesi, — mormorò il libraio, — quella gente d'Inghilterra fa denari con la pala.

— Inglesi? Mi avevano detto che era Rothschild — osservò, dubitando sempre, il professore de Peruta.

— Rothschild? Tanto meglio dunque: stiamo a cavallo. Vedete che questo Ruffo—Scilla sa fare...

Il professore se ne andò, poco convinto, mentre il pensionato pensava che era assai curioso che a loro si desse una rendita e non un capitale: a quest'ora, se possedesse il capitale della sua pensione, con Ruffo—Scilla si sarebbe arricchito.

Il professore de Peruta saliva lentamente per le