Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/299

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


da suo marito! Con tutti, salvo che con te — urlò lui ripetendo tre o quattro volte questa frase, non potendosi più padroneggiare.

— Posso andar via, io — diss'ella, lentamente, pallidissima.

— Liberissima, — esclamò lui. Non so bene dove potrai andare, ma io non te lo domanderò neppure.

— Tutte le creature umane trovano ricovero, buono o cattivo, — mormorò ella, levando gli occhi al cielo.

— Fa quel che ti pare, — disse lui che oramai era stanco e voleva andarsene.

— Debbo partire? — chies'ella, ansiosamente, come se conservasse ancora un filo di speranza.

— Vattene pure, — disse lui duramente, cercando di riaccendere il suo sigaro.

— Carlo rammentalo. Sei tu che mi mandi via, sei tu che mi obblighi a partire. Rammentalo.

— Non farmi tragedie. Non siamo destinati a stare insieme. Vattene via.

— Addio, Carlo.

Gli voltò lo spalle, senza dare segno di emozione.

Erano sopra una poltrona il suo mantello ricamato di giaietto, il cappello, i guanti che vi aveva posati, rientrando da quell'affannosa ricerca di suo marito: ma ella non pensò neppure a prenderli. Se ne andò così, senza cappello, vestita di nero, con la testa abbassata sul petto come se la piegasse sotto il poso della fatalità.