Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/365

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ella si alzò, risolutamente, seguendolo fin fuori la porta. Là fuori lo trattenne. Erano soli. La luna illuminava il pianerottolo, le scale e il cortile.

— Hai inteso ciò che ha detto la matrigna?— domandò ella, giuocherellando col lucchetto della porta.

— Che ha detto?— fece lui, come infastidito.

— Che non abbiamo bisogno di salotto. Abiteremo dunque con lei? —.

— Pare.

— E perchè?

— Perchè non abbiamo denari, figliuola mia — disse lui, carezzandole i capelli, lievemente.

Ella si schivò:

— Dovremo, dunque, vivere con la sua elemosina?

— Che elemosina! È mamma: ha denari e non sa che farsene; ha soltanto te; ha il dovere di darti da vivere.

— Tu dovresti lavorare, Giovannino; tu dovresti darmi da vivere. Io voglio mangiare solo pane, ma da te, non da lei, Giovanni.

— E lo farò, figliuola mia, lo farò; cercherò di lavorare, di guadagnare. Per ora, capirai... è difficile trovare. M'ingegnerò.

— Promettimi che troverai — diss'ella, supplichevole.

— Te lo prometto. Ma pel principio, sarà difficile, bisognerà che ci accomodiamo qui... vedrai, ci staremo bene...