Pagina:Serao - Dal vero.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la canzone popolare. 17

contro il tiranno, contro il cattivo governante, un’arme che vale più del fischio, più dell’urlo, più della pietra; perchè il fischio, l’urlo, la pietra significano l’individuo e la canzone significa la massa, il numero e la forza.

Si è detto, ed anche da un ingegno illustre, che il popolo non è vero poeta, massime il popolo napoletano. È così: l’elemento poetico delle canzoni è scarso, a lampi, il senso spesso ne diviene incomprensibile — talora sono frasi, parole accoppiate senz’ordine e senza significato. Ma nell’elemento musicale è la grande rivincita, nell’elemento musicale ricchissimo di melodia e di espressione; tutto quello che la poesia non dice, la musica lo interpreta e lo rende, schiudendovi un orizzonte largo, immenso, dove la fantasia può meglio spaziare che nello stretto giro della parola. La cantilena del marinaio vi giunge senza che possiate ascoltare quello che egli dice, eppure vi parla del dolore della partenza, del lungo viaggio in paesi ignoti, dell’ansia del ritorno; quando sulla barchetta al largo, si canta di Santa Lucia, voi senza saperne nulla, indovinate, al sentirne solo il ritornello, tutta quell’allegra vita sotto il sole caldo, nel profumo del mare, nelle notti limpide e serene. Non ci è poesia ed intanto potete crearci un poema, un poema tanto più bello in quanto che vi mettete una parte di voi,