Pagina:Serao - Dal vero.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 dal vero.

dolcissimo, dove non iscorgeva più il limite del presente e dell’avvenire; si trovava contenta in quella solitudine, in quella calda mattinata di giugno, in quel bosco così pieno di vita ed intanto così tranquillo. Camminò a lungo, dimenticando l’ora del ritorno; poi una piccola inquietudine, subentrò alla sua pace, parve che la sua gioia diventasse arida come un fiore disseccato. Era forse il sole che giungeva al proprio zenit? Era un senso d’isolamento, d’incompleto, che la feriva? Era un lontano ed impercettibile rumore? Era l’ansietà di giungere all’angolo del viale che percorreva, per ispingere lo sguardo curioso anche più in là? Difatti, a quell’angolo rattenne un istante le redini; un cavaliere veniva verso di lei al passo del suo cavallo; il cavaliere del ballo, che, come allora, la copriva d’una magnetica potenza del suo sguardo. Si avvicinavano l’uno all’altra, annullando la distanza che li separava, come due esseri che si avviino al loro destino: quando furono di fronte, un saluto ed un sorriso intelligente, i cavalli si sfiorarono, si allontanarono; all’estremità del viale Laura si fermò e si voltò. Il conte Riccardo era fermo all’altro estremo, lontano, lontano: eppure si videro spiccatamente; e poco dopo il bosco si rinchiuse nella sua quiete maestosa, non turbata da alcun passo umano.