Pagina:Serao - Dal vero.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

pseudonimo. 25


rare, in fondo alle proprie opere, nome, cognome, titolo qualità e magari anche la paternità e il luogo di nascita; si tratta di qualche uomo maturo, grave, che scrive un libro con uno scopo più o meno politico, e che quindi ha bisogno di far sapere che è stato lui, proprio lui e non un altro ad averlo fatto.

— Vedete — mi diceva uno dei contrarii alla innovazione — questo rifugiarsi nei nomi altrui, sa di sotterfugio, di bugia. E sapete perchè? Perchè coloro che assumono un nome di guerra dovrebbero pensare ad assumere anche un tono, un genere, una idea relativa a questo nome. Per nulla; conosco uno scrittore lugubre che firma Momo, un materialista che si chiama Psiche ed un uomo di spirito che perpetua il tipo di un imbecille! Lasciamo correre: credete che uno pseudonimo possa andare ai posteri?

— La letteratura moderna ha troppa fretta per pensare ai posteri — gli dissi.

— E la gloria?

— Bah! È un pezzo che la critica l’ha abolita.