Pagina:Serao - Dal vero.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30 dal vero.


bino che ora l’oltrepassa di tutta la testa — ed accanto quel ritratto, quel caro ed amato ritratto di persona morta! In questa camera la buona madre si è ammalata, e quando la salute è tornata a brillare nei suoi buoni ed amorevoli occhi, essa ha respirato l’aria presso quel balcone: sul balcone dove alla primavera tutte le pianticelle hanno fiorito, dove l’edera, più tenace dell’uomo, si è abbarbicata; sul balcone dove nelle sere estive vi furono tante dolci parole mormorate all’orecchio. E quando vi fu quella grande, grande disillusione, la pace del piccolo studio ha calmata l’asprezza della ferita. Dio, quante memorie! Che fiotto di ricordi!

La pruova che il passato ha esistito bisogna abbandonarla, bisogna dimenticare; e perchè anche l’ultimo profilo delle rimembranze si cancelli, bisogna lasciare il fedele testimonio della vita trascorsa. Staccarsi da tutto, annullare, fare il vuoto. È uno spasimo acuto. Si vagola per le camere, sogguardando lungamente, quasi a volersi imprimere nella mente ogni linea; non si va più fuori quasi a prolungare i momenti della permanenza; non si scambiano che brevi frasi; le fanciulle sono malinconiche, i vecchi parenti si fanno pensosi. Il giorno della partenza viene: i visi sono pallidi e scomposti, si va e si viene senza far nulla, quasi per distrarsi;