Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e del ramo di corallo rosso 133


con il suo passo ritmico, fermandosi innanzi alle mostre delle botteghe, salutando qualche creatura ignota, fermandosi a discorrere con qualche essere volgare. Io feci, dietro a lei, tutto quello che essa fece. Ella prese la via del teatro, salì le scale, entrò in un palco e si pose immediatamente a dardeggiare la folla col suo sguardo nero. Si pose subito a ridere con le sue labbra di sangue; io in un palco dirimpetto a lei, imitandola, guardai sfacciatamente la folla, e risi, risi sempre. D’un tratto ella scomparve, io m’abbandonai in un’atonia come se mi mancassero gli spiriti, poi mi risvegliai nell’amarezza saliente dei rimorsi. L’amico che m’aspettava, a cui dovevo portare le parole di consolazione e di perdono, era morto, solo, mentre io rideva al teatro.


Io non amava quell’uomo. Anzi non amavo nessuno in quel tempo. La mia indifferenza