Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Scena.

Tutta chiusa ancora nella pelliccia di lontra, con la veletta nera del cappellino ancora abbassata sugli occhi, con le mani ficcate e strette nel manicotto, donna Livia, ritta innanzi al caminetto, si riscaldava i piedini intirizziti alla vampa. A un tratto, nell’ombra della sera nascente, ella vide biancheggiare qualche cosa accanto a sè.

— Chi è? — disse buttandosi indietro, improvvisamente sgomentata.

— Sono io, Livia, non aver paura — rispose il marito, con tranquillità.

— Ah! sei tu, Riccardo? Non ti ho inteso venire — e la voce si era subito raddolcita, era diventata tenera.