Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/163

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

ideale 163


— E soggiunge le ragioni, bella contessa?

— Non le soggiunge, perchè non ve ne sono. Si ama senza ragione e non si ama anche senza ragione. L’amore e l’indifferenza si rassomigliano.

— Voi proferite una frase mostruosa — disse lui placidamente.

— Arriverò tardi al teatro — mormorò lei impazientandosi.

— Sono appena le nove. È ignobilmente presto. Chi è due volte contessa e tre volte marchesa come voi, non può andare al teatro a quest’ora. Io non oserei accompagnarvi.

— Vi farebbe piacere l’accompagnarmi? — chiese lei, lampeggiando vanità dagli occhi.

— ... immenso piacere — mormorò lui, comprendendo la malvagia idea — malgrado il susurrìo di compassione che susciterei nella vostra famosa platea, contessa. Sono sicuro, vedete — e la sua voce tremolò di collera — che mi si compiange.

Ella non rispose nulla. Dopo una pausa, gli domandò: