Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
170 ideale


— Vale a dire, contessa?

— ... a Capodimonte?

— A Capodimonte?

— ... voleva dire a me — concluse lei con voce dolente e arrossendo un poco.

Egli la guardò, sorpreso. Ma ella non gli dette tempo di rispondere:

— Ho letto, ieri l’altro, una parola misteriosa in un libro misterioso. È la parola: ideale. Non sorridete, la conoscevo: ma non comprendevo bene che fosse. È la nuvola che passa, non è vero, l’ideale? È la musica che abbiamo nella mente? È il quadro dipinto nella fantasia? È un fantasma adorato? È tutto questo, non è vero?

— Tutto questo ed altro ancora, signora.

— O amico, voi dovete averlo ed amarlo un ideale. Ditemi qual è.

— Io non posso dirvelo.

— E che? non mi amate voi forse? — sclamò lei, con gli occhi lucenti.

— Sì, ma non vi dirò il mio ideale.