Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 al veglione


— No, io andrò — disse lei a voce alta, quasi per incoraggiarsi — poichè egli verrà.

Solo nella via sentì il freddo delle spalle nude sotto il raso nero del dominò; non aveva messo pelliccia, lei abituata a stare calduccio. Ma come la febbre divoratrice le saliva al cervello, non sentì più il freddo. Una nuova paura fu quella di non trovare carrozza. Camminava impacciata e guardinga, gelata dal freddo, riarsa dal caldo, urtando nelle colonnine; smarrendo la via sotto la maschera. Già qualche viandante si era fermato a veder passare questo dominò imbarazzato, profumato ed elegante. Uno l’aveva chiamata, offrendole da cena. Lei tremava, lei, la contessa, abituata alla devozione dei servi, al rispetto degli amici — sola, abbandonata, morente di vergogna e di paura.

Finalmente una carrozza passa, ella chiamò, vi salì dentro come un naufrago che giunge a riva.

— Che importa? Egli verrà.

Era la sua giaculatoria, la sua litania, la