Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sconosciuto 269


occhi azzurri, di un azzurro smaltato e chiaro: io mi sentiva tutta inondata dalla dolcezza di quello sguardo. Non era peccato quello che commettevamo. Io pregava il Dio in cui egli credeva: noi ci effondevamo nei tranquilli trasporti dello stesso amore divino. Quando la Messa fu finita, egli salutò profondamente l’altare, poi me: uscì.

Dopo, nel giorno della Madonna, un lucido e bel giorno io ho ricevuto a casa un mazzo di fiori, mughetti e gigli, una meraviglia di candore. Io ho mandato a lui il mio rosaio di legno di sandal, i cui granelli, sotto lo stropiccio delle dita, sprigionano un profumo acutamente mistico. Ci vediamo sempre, la domenica, al vespro nella chiesa dei Gerolomini. Egli mi aspetta alla porta e con le dita tremanti mi offre l’acqua benedetta; insieme facciamo il segno della croce. Siede un po’ lontano da me, ma ci guardiamo spesso. Dio sicuramente non si offende di questo amore che è puro. L’atto di adorazione, che nel mio libro è un vero