Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/318

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
318 ritratto di donna


amiche che avevano detto esserle impossibile l’abito scollacciato, venne al teatro con un abito scollato di raso rosso, quasi senza maniche, con un’audacia tranquilla ed irresistibile. L’abito era corruscante, il busto splendido. Nessuno osò dire nulla, poichè tutti sapevano che la principessa era profondamente virtuosa.

Nessuno si accorgeva che ella si tingeva lievemente gli occhi. Aveva gli occhi grigi, molto luminosi e grandi: ma quando ella si turbava, per uno strano effetto, gli occhi si facevano di un azzurro-carico, quasi cupo. Qualcuno, di sera, diceva che ella aveva gli occhi neri: cambiamenti pericolosi che moltiplicano la potenza di uno sguardo. Quella piccola tinta di bistro, segreto orientale, con cui accentuava questo sguardo era messa con sapienza artistica: sebbene la principessa nulla sapesse di arte e odiasse specialmente la scultura, la pittura e la poesia. Comprendeva solo la musica, senza dirlo. Aveva due sguardi: l’uno dritto, fermo, duro, come una do-