Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 Nella via


— Scommetto che se viene Ciccillo, il polipo è cotto. Per lui succedono miracoli, succedono.

— Si capisce.

— Quanto sei cattiva, Vice’!

— Chi ti chiama a parlare con me? Va’, vattene.

Gennarino represse un moto di rabbia e si allontanò, gridando e decantando l’odore e il sapore delle sue pizze. Vicenzella continuò placidamente a far la calza fra il chiasso e il rumore della via, guardando in su, ogni tanto, come se aspettasse qualcuno. Una grossa femmina, con la giacca di lanetta nera, il grembiale bianco e un fazzoletto rosso al collo, le si accostò: aveva in mano un mucchio di soldoni, mentre una bambinella le si attaccava alla gonna.

— Questa è la chiave, Vice’, e questa è Fortuna. Bada alla casa e bada alla piccola.

— Gnorsì, ma’ — fece l’altra, senza muoversi.

— Io non so quando torno: debbo andare ad esigere del denaro sino a Porta Capuana, dalla mamma di Ciccillo.