Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
114 Nella via


lina, attaccandosi alle sue gonnelle, — raccontami un racconto.

— Non ci ho la testa, Fortuné, lasciami stare.

— Sì, sì, raccontami il fatto della Bella mbriana.

— Senti, Fortuné, se ti contenti, la sorella tua ti da un soldo, e tu ti compri una bella cosa.

— Che mi compro, che?

— Un soldo di nocciuole infornate? Ne hai tante!

— No, no.

— Un soldo di caffè?

— No, no.

— Un soldo di fichi d’India, ne hai due.

— Sì, sì, dammelo.

E Fortuna scappò via, verso il fondo di Santa Lucia, per comprarsi un soldo di frutti freschi e insipidi. Vicenzella guardava in su verso il Gigante, con la faccia bruna, di un bruno affocato di rosso, dove non compariva sorriso.

— Vice’ — disse Aniello, il marinaio, dammi un carboncino per accendere — la pipa.